Chi siamo

Da 36 anni il MiX Festival di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer è il festival del cinema di riferimento della comunità gay, lesbica, trans e queer. Ogni anno viene portato in sala il meglio della cinematografia indipendente a tematica LGBTQ+ grazie a un team di programmatori e programmatrici dinamico, multiculturale e multigenerazionale. Dal 1986 a oggi, pur non perdendo le sue radici originarie di impegno politico e radicamento territoriale, il Festival si è trasformato, rappresentando simbolicamente l’attraversamento di identità che l’intera comunità LGBTQ+ ha percorso negli ultimi decenni.

 

La storia del MiX Festival

Uno sguardo diverso

Fondato nel 1986 come rassegna di cinema intitolata Uno sguardo diverso da CIG ArciGay Milano, Altro Martedì, Babilonia e A.S.A., già dalla sua prima edizione si proponeva come una manifestazione culturale trasversale che, puntando sulla valorizzazione della cinematografia indipendente, da un lato raccoglieva le istanze di rivendicazione e affermazione dell’intera comunità LGBTQ+ e dall’altro ne anticipava le tendenze e ne promuoveva il riscatto politico e sociale.

Festival di Cinema Gay e Lesbico di Milano

Nel 1993, testimoniando l’evoluzione della programmazione e della notorietà internazionale assunta, ha cambiato nome diventando il Festival di Cinema Gay e Lesbico di Milano.

Festival MIX Milano di Cinema GayLesbico e Queer Culture

Nel 2005, in concomitanza con la sua prima edizione al Piccolo Teatro Strehler di Milano, è entrato nella famiglia dei Festival MIX che comprende i Festival LGBTQ+ di New York, San Paulo, Copenaghen e Città del Messico, un network dedicato alla ricerca sul linguaggio cinematografico tramite lo spazio dedicato alle realtà emergenti, i cui Festival rappresentano, oltre a un momento di riflessione collettiva, anche occasioni imperdibili di costruzione di socialità e di interconnessione tra le persone. Con l’adesione al network, il Festival dal 2012, pur mantenendo con questa e altre realtà una forte partnership, ha sciolto il suo connubio con il CIG Arcigay Milano assorbendo interamente la sua organizzazione, produzione e promozione all’interno dell’Associazione Culturale MIX Milano, oggi divenuta MIX Milano APS.

MiX Festival Internazione di Cinema LGBTQ+ e Cultura Queer

Nel 2021, il Festival abbraccia la sua ottica internazionale cambiando il proprio nome ma anche il proprio look, senza mai abbandonare il motto che ormai è parte del MiX, #MORELOVE e riconoscendo l’importanza fondamentale di avere “casa” in una città come Milano.

Le nostre “case”

A testimonianza della continua espansione e del crescere del suo pubblico, grazie anche al continuo sostegno ottenuto dalle istituzioni locali e nazionali, il Festival negli anni ha cambiato più volte location, passando dal Cinema Paris al Cinema Pasquirolo e iniziando con il Teatro Manzoni il percorso che l’ha portato alla prestigiosa sede del Piccolo Teatro Strehler e Piccolo Teatro Strudio Melato, fino ad approdare on-line durante il 2020 nella sua prima visione digitale visibile da tutta Italia, diventata ormai una costante che si affianca alle proiezioni in presenza. 

Anteprime di registi acclamat*

Grazie anche alla personalità vulcanica ed eclettica di Giampaolo Marzi che per 25 anni ne è stato il direttore artistico,  il MiX Festival ha ottenuto successi e anticipazioni di pregio inestimabile proponendo in anteprima al pubblico italiano perle come “Grief”, il primo lungometraggio di Richard Glatzer, il cortometraggio “Un robe d’été” di François Ozon, “Super 8 ½”, il porno-punk in bianco e nero di Bruce La Bruce, i film di Sebastien Lifhsitz, le opere di Joao Rodriguez e Patricia Rozema, la perversione adolescenziale nel “Tarnation” di Jonathan Caouette e “J’ai tué ma mère” e “Les amours immaginaires”, i primi lavori del canadese Xavier Dolan. Ozon e Dolan, ovvero quelli che allora erano giovani promesse e ora sono diventati importanti registi internazionali, hanno avuto proprio il MiX Festival come prima tappa per la loro affermazione.

Il MiX Festival come rete

Il MiX Festival è membro di AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema ed è tra i soci fondatori del MFN – Milano Film Network, la “rete che unisce le esperienze e le risorse dei sette festival di cinema milanesi per offrire una proposta culturale lungo tutto l’anno e una serie di servizi per chi si occupa di cinema e audiovisivo a Milano e in Italia”. Dal 2020, il Festival fa parte del Coordinamento dei Festival Italiani di Cinema LGBTQ. Sempre nel 2020 il MiX Festival è stato promotore del nuovo network “Mediterranean Europe Film Festival Network” formato da alcuni dei festival a tematica LGBTQ+ più antichi del Sud dell’Europa ovvero il Queer Lisboa (Portogallo, 24 Edizioni), il Thessaloniki International LGBTIQ Film Festival (Grecia, 22 edizioni), lo Zinegoak – Bilbao International LGBT+ Film and Performing Arts Festival (Spagna-Paesi Baschi, 17 edizioni) e lo Chéries Chéries Festival International du film LGBTQ+ de Paris (Francia, 25 Edizioni). Scopo del network è mettere in comune le risorse e le informazioni, cofinanziando iniziative comuni di “empowerment” della produzione cinematografica indipendente a tematica queer.

In continua crescita

Oggi diretto da Paolo Armelli, Andrea Ferrari e Debora Guma, il MiX è a tutti gli effetti e senza alcun dubbio una realtà ben radicata nel tessuto culturale trasversale del capoluogo milanese e non solo: rappresenta uno dei Festival del Cinema LGBTQ+ con maggiore affluenza di pubblico (con picchi fino a 12.000 ingressi), ha una corposa risonanza mediatica in campo nazionale e internazionale ed è una manifestazione nota e apprezzata in tutto il mondo.

Un successo ma anche una responsabilità che ha spinto l’organizzazione a non fermarsi nemmeno in anni difficili come il 2020 e 2021, colpiti dalla pandemia mondiale che tanto ha paralizzato, fra le altre cose, l’industria cinematografica e culturale.